Porta del Vento, quando il vino fa rima con eccellenza

Era da tempo che volevo scrivere dei vini di Marco Sferlazzo, l’occasione è stato un’incontro di lavoro tra il produttore e alcuni giornalisti al Charleston di Mondello. Una cena tra giornalisti che mi ha permesso di apprezzare al meglio le qualità dei suoi vini. L’azienda è Porta del Vento, 14 ettari nel territorio di Camporeale. Un esempio per molti produttori, per passione e dedizione al lavoro. Un viaggio che chi vi scrive ha il piacere di raccontare.

C’è qualcosa di magico nei vini di Marco Sferlazzo, farmacista per lavoro e vigneron per passione. Sebbene Porta del Vento sia un’azienda conosciuta, mi piace scrivere di chi trasmette ogni giorno passione per il proprio lavoro. Siamo a seicento metri di altezza in contrada Valdibella, a Camporeale, provincia di Palermo, nella zona delle DOC di Alcamo e Monreale. Qui sono stati piantati filari di vigneti che sfruttano la potenza del vento e di un terreno sabbioso leggero su una crosta di calcare. La vendemmia viene fatta a mano, raccolta in cassette, e subito portata nella cantina, dove avviene la fermentazione. Anche i bianchi si fanno macerare sulle bucce in tini di rovere senza aggiunta di solforosa e di lieviti. “Cerchiamo di travasare il meno possibile e non filtriamo i vini, per non privarli di alcun elemento che li rende unici, uguali solo a se stessi, capaci di esprimere completamente il territorio a cui appartengono e di trasmettere emozioni a chi abbia sensibilità e passione”.

La nostra degustazione è un percorso guidato che ci conduce per mano in una filosofia aziendale ben precisa. Un’idea romantica di fare vino che premia il rispetto per la terra e per ciò che i nostri antenati ci hanno tramandato.

E così iniziamo a degustare i vini.

Spumante Mira Metodo Classico.Oggi esser produttori di vino in Sicilia significa cogliere la sfida per fare vini d’autore”, ci confida Marco durante la cena. Questo spumante ottenuto dalla rifermentazione in bottiglia di una base di Cataratto permane sui lieviti per 18 mesi.

Catarratto classico 2014. Al naso è agrumato il colore è giallo paglierino. In bocca è pieno, perfettamente equilibrato. Erbe odorose e fieno si alternano ai fiori di camomilla. Un vino con una buona persistenza al palato.

Saray 2012. Lunga macerazione sulle bucce. Il colore è giallo oro, profumatissimo al naso. In bocca è l’espressione più autentica della Sicilia. “Questo vino per me è come se fosse fatto a mano: dalla selezione dei migliori grappoli fino all’imbottigliamento. Selezioniamo il meglio per offrire un prodotto unico”.

Saray 2009. Il colore è stupendo, un vino arancio stessa impostazione del 2012. Invecchiamento in legno. La particolarita è la macerazione con ossidazione. Al naso appare mielato, in bocca è secco. È particolare, perché sembra bere un Marsala secco. Alla cieca in degustazione, invece, sembra un rosso ben strutturato.

Un pomeriggio di novembre cosa c'è di meglio di un buon bicchiere di Catarratto Saray 2009 dell'azienda siciliana Porta del Vento.

A post shared by La Forchetta e il Coltello (@forchettaecoltello) on

Ishac Nero d’Avola 2013. Colore rosso rubino, sentori di liquirizia. Fermentazione senza aggiungere lieviti in legno a temperatura controllata di 24 gradi per un periodo di 12-14 giorni. Svinatura per un anno in botte da 25 ettolitri. Coltivato in collina esposizione ponente. Freschezza e buona acidità, lo rendono dalla beva piacevole.

Maquè Perricone 2013. Il Perricone è un vitigno autoctono che negli ultimi anni è stato ripreso e rivalutato, ma che tuttora rimane un vitigno molto raro ad appannaggio di pochissimi produttori. Le uve sono raccolte a mano in piccole cassette per evitare lo schiacciamento dei grappoli che fermentano poi in tini di rovere a contatto con le bucce per 15 giorni. Nel bicchiere è di un colore rosso intenso, al naso pervadono i frutti rossi. In bocca è sostenuto da un’eccellente acidità con una trama tannica fine e persistente.

Potrei continuare a scrivere di queste eccellenze tutte siciliane, ma se volete qualche informazione in più o se volete semplicemente degustare i vini di Porta del Vento, andate a trovare il produttore e fatevi raccontare la magia di questo vino.

Az. Agr. Marco Sferlazzo
Contrada Valdibella, 90043 Camporeale (Palermo)
Mob. +39 335 6692875
Tel./fax +39 091 6116531
info@portadelvento.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...