Alla scoperta di Aynat, una verticale per conoscere il nero d’Avola di CVA

Siamo a Canicattì in provincia di Agrigento per scoprire l’azienda Cva. Benvenuti nel cuore della provincia di Agrigento, un territorio dalla grande vocazioni vinicola.

Cva è una cooperativa che oggi conta sul supporto di 480 soci. Nata nel 1968 per la trasformazione di prodotti agricoli inizia la sua avventura nel mondo del vino nel 1990. Solo nel 2004, nasce il progetto più importante di Cva realizzare una straordinaria versione di Nero d’Avola in purezza in grado di riuscire ad esprimere al meglio l’eleganza, la finezza e la grande potenza di questa varietà: in una sola parola Aynat, antico nome arabo di Canicattì, piccolo paese in provincia di Agrigento, punta di diamante della produzione aziendale. Siamo nell’entroterra siciliano, tra Agrigento e la provincia sud di Palermo, in un territorio collinare tra i 200 e i 600 metri sul livello del mare. Aynat è considerato uno dei nero d’Avola più interessanti dell’isola, compie un lungo affinamento che varia dai 12 ai 18 mesi in barili di rovere francese. Il periodo di maturazione prosegue in bottiglia con un processo di riposo per 12 mesi prima della commercializzazione. È un vino emozionante, corposo, espressione di una particolare uva del territorio: potente, elegante si sposa bene con piatti strutturati.

La nostra degustazione di Aynat parte dall’ultimo vino in commercializzazione per risalire fino al 2004.

Annata 2010
Al naso è corposo, molto profumato. Si avvertono le note di liquirizia e frutta a bacca rossa. In bocca è dirompente, elegante con una setosità persistente. Al bicchiere si presenta di un rosso rubino con riflessi violacei.

Annata 2009
Al naso è persistente. In bocca si nota l’anno in più di evoluzione rispetto all’ultima versione. Anche se dopo una quindicina di minuti tende ad aprirsi rivelando tutto il suo bouquet profumato. Forse meno intenso rispetto al 2010, ma più puro con una minore freschezza nasale. Maggiore presenza di tannini. Al bicchiere si presenta di colore nero con riflessi amaranto.

Annata 2008
Al bicchiere è di un colore rubino. Al naso si avvertono i sentori della frutta secca. Una struttura complessa e più strutturata. Annata caratterizzata da precipitazioni al di sotto della media e da temperatura non eccessive con buone escursioni termiche.

Annata 2007
Al bicchiere si nota da subito il colore più invecchiato, necessita un periodo di ossigenazione maggiore per esprimersi in tutta la sua potenza. In bocca è più armonioso, fa vedere la sua struttura complessa con sentori di frutta rossa: more, prugne e lamponi.

Annata 2006
Al bicchiere denota un colore intenso, scuro con riflessi rubino. In bocca è armonioso nell’equilibrio tra acidità, tannini e corpo. Presenti note di frutta secca, al naso è equilibrato e strutturato. Un vino fresco che ha perso i caratteri classici del nero d’Avola: molto morbido, con un’accentuata nota balsamica e una profondità olfattiva-gustativa che le altre annate non hanno.

Annata 2005
Ciò che ci ha colpito subito è l’altissima concentrazione di profumi, un bouquet aromatico capace di sprigionare un’esplosione di sensazioni. Le note ossidate non si avvertono minimamente per un vino che comunque possiede dieci anni di invecchiamento. Al naso si avvertono note di verdura di campagna, al bicchiere è di un colore vivace. Un vino di armonia e grandissima rotondità. In bocca è morbido e con il ritorno della frutta rossa con note piccanti che vanno in contrasto con la rotondità.

Annata 2004
La nostra verticale si chiude con l’ultimo vino, il più vecchio tra quelli proposti , con ben undici anni sulle spalle. Al bicchiere si nota un colore rosso leggermente spento, al naso sprigiona i suoi profumi migliori. L’annata si è contraddistinta per un clima abbastanza regolare ma con una raccolta appositamente posticipata rispetto alla media che gli ha conferito una personalità unica. È un vino evoluto, morbido e possente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...