Arancina day: taste and eat! Nel giorno di Santa Lucia, per voi la nostra guida all’assaggio

Qualche settimana fa vi avevamo proposto la nostra personale guida sul pane e panelle. Nel giorno di Santa Lucia ci riproviamo, dopo aver assaggiato le arancine dei bar più importanti della città.

A proposito, si dice arancina o arancino? Nella Sicilia orientale, tra Messina e Catania si dice arancino, così chiamato anche in alcune zone dell’agrigentino come ci racconta Andrea Camilleri ne: “Gli Arancini di Montalbano”. A Palermo, invece, è chiamata arancina. Il motivo è semplice ed è da ricercarsi nella sua classica forma sferica e nel colore ambrato brillante che ricorda l’arancia. Arancino, invece, prenderebbe il nome dall’albero di arancio e ha la classica forma a punta che lo ha reso celebre anche fuori dai confini regionali.
Abbiamo deciso di fare un giro per i bar della città cercando di suggerirvi i posti che ci hanno maggiormente convinto. Come di consueto, si tratta di una breve guida ispirata dal nostro gusto personale. Abbiamo scelto di assaggiare l’arancina al burro perché è un grande classico, che siamo certi troverete ovunque in città! Per ogni arancina degustata abbiamo scritto una breve recensione dando un giudizio da 1 a 5 stelle!

Ed ecco che entrate in gioco voi che ci seguite, vi invitiamo a partecipare attivamente. Diteci la vostra, suggerendoci i posti che avete provato o che preferite, commentate nel box qui sotto o inviandoci una foto su Facebook e Instagram usando il tag #tastarancina e noi la pubblicheremo.

Albatros

Bar Albatros, via Principe di Pantelleria – 1,50 euro
Un’arancina di medie dimensioni, un po’ molle al tatto e poco croccante. Appena dorata all’esame visivo. Riso un po’ troppo cotto, manca lo zafferano. Il ripieno non convince, al palato avvertiamo la nota acida a causa di una besciamella non cotta abbastanza. Gusto piatto e in più, ci è stata servita fredda. Due stelle su cinque: 2/5

New Paradise

New Paradise, via Campolo – 1,70 euro
Arancina pallida, quasi squadrata e morbida al tatto. All’interno la besciamella è un po’ fluida e l’abbondante prezzemolo non aiuta ad esaltare il gusto ma aggiunge all’insieme un retrogusto amarognolo. Riso di buona qualità, ma non ci convince la cottura che riteniamo sia un po’ troppo in là coi tempi. La panatura è fine e poco croccante. Due stelle su cinque: 2/5

Arancina in Frak
Arancine in Frak, via Cavour – 2 euro
Ci viene servita subito ma rimaniamo delusi. Il colore è spento, un po’ troppo unta e odora eccessivamente di fritto. La panatura è croccante ma il ripieno è poco saporito. Intuiamo una scarsa attenzione per le materie prime utilizzate. No, non ci piace. Due stelle su cinque: 2/5

Spinnato2
Bar Spinnato, via Principe di Belmonte – 1,80 euro
Siamo nel salotto buono della città. Spinnato è uno dei bar storici e punto di ritrovo di tanti palermitani. Prendiamo la nostra arancina, che prontamente ci viene riscaldata. Si presenta poco omogenea nella doratura. Il riso è al dente, ha un buon profumo di zafferano ma al naso si avverte anche l’olio di semi. Al taglio non ha retto, disfacendosi immediatamente. L’aspetto gustativo nel complesso è buono ma qualcosa non convince. Tre stelle su cinque: 3/5

Scatassa2
Bar Scatassa, via Ammiraglio Rizzo – 1,60 euro
Ci trasferiamo dall’altro lato della città. Chi viene in questo bar ha il privilegio di poter gustare la propria arancina ammirando la maestosità di Monte Pellegrino. L’arancina si presenta a punta ricordando proprio l’arancino catanese. La cottura del riso è un po’ avanti nei tempi. La besciamella ha una consistenza compatta e al palato si percepisce l’eccesso di farina. Anche in questo caso abbiamo qualche riserva. Tre stelle su cinque: 3/5

Albicocco
Pasticceria Albicocco Vincenzo, via Carmelo Trasselli, – 1,80 euro
Questo bar nella zona è un’istituzione soprattutto per l’ottima pasticceria. Passiamo alla degustazione: alla vista la panatura appare poco dorata. La cottura è ottima come la qualità del riso e delle materie prime. Al palato sapida ed aromatica. I chicchi del riso sono ben staccati tra loro. Nel complesso l’arancina è di buona qualità ma non ci convince pienamente la panatura. Tre stelle su cinque: 3/5

Ke Palle
KePalle, via Terrasanta – 1,80 euro
Non è un vero e proprio bar ma un shop per amanti dell’arancina d’autore. Ne troverete di tutte le forme e gusti. Prendiamo la nostra arancina al burro: è perfettamente tonda, dorata ma risulta molto unta. Panatura molto spessa e croccante, la frittura è ben fatta ma non perfettamente asciutta. Il ripieno è generoso, all’interno troviamo prosciutto tagliato sottilmente. Riso di ottima qualità, cotto al dente ed arricchito di zafferano e altre spezie. Saporita e profumata. Quattro stelle su cinque: 4/5

Puccio
Panificio Puccio, via Maggiore Toselli angolo via Arimondi – 1,50 euro
Nel nostro giro abbiamo inserito anche un panificio, siamo nel quadrilatero tra via Libertà e via Sampolo. Ogni giorno, studenti e lavoratori affollano questo posto per consumare il proprio pranzo. Prendiamo la nostra arancina: all’esame visivo si presenta un po’ scura e non omogenea. La panatura, infatti, è irregolare ma è comunque croccante e abbastanza asciutta. Materie prime utilizzate di buona qualità. Al cuore la besciamella è ben cotta e l’arancina ci viene servita calda e fumante. Buon gusto. Quattro stelle su cinque: 4/5

Russo
Friggitoria Russo, accanto all’omonimo Bar in via Carmelo Onorato – 1,50 euro
La famiglia Russo da anni in questa zona punta sullo street food: panelle, crocché, sfincione, pizza ed ovviamente lei: l’arancina. Ci viene servita subito, nella sua classica forma oblunga. All’esame visivo è di un bel colore dorato. Abbastanza asciutta. Panatura dal colore omogeneo e croccante al taglio. Il riso è di media qualità ma è ben cotto, bianco per l’assenza di zafferano. Il ripieno è saporito e ricorda il gusto genuino delle arancine fatte in casa. Convince per la sua semplicità. Quattro stelle su cinque: 4/5

Bristol
Bar Bristol, via Emerico Amari – 1,80 euro
Chi arriva dal mare non può non fare una sosta qui, anche per pochi minuti. Siamo di fronte al Porto e tra turisti e avventori c’è un continuo via vai. Dopo una buona attesa, arriva la nostra arancina appena uscita dalla cucina. Alla vista si presenta di un bel dorato brillante ma è leggermente unta. La panatura è sottile. Profuma di burro. Il ripieno è generoso. Le materie prime utilizzate sono di media qualità. Nel complesso una buona arancina ma mancava una sferzata di sapidità! Quattro stelle su cinque: 4/5

Accardi
Bar Accardi, via Gaetano Amoroso – 1,80 euro
Da un punto all’altro della città: ci troviamo di fronte l’Università. Questo bar storico propone ogni giorno il meglio della gastronomia palermitana. L’arancina che abbiamo degustato ha un colore ambrato, uniforme e si presenta nella sua forma classica. Asciutta e abbastanza profumata. La panatura è croccante e il ripieno è ricco e delicato, con aggiunta di prezzemolo tagliato grossolanamente. Buone materie prime utilizzate. Una buona arancina anche questa. Quattro stelle su cinque: 4/5

Ed eccoci arrivati alle nostra personale Eat List:

Alba
Bar Alba, piazza Don Bosco – 1,80 euro
Siamo a piazza Don Bosco, a due passi da via libertà, qui il Bar Alba è presente dal 1956 e per anni è stato un must per molti palermitani che nel giorno di Santa Lucia affollavano la sala del bar. Ci dirigiamo subito verso il banco della rosticceria, in bella mostra ci sono le arancine. Ne prendiamo una al burro: è dorata, molto profumata. La panatura appare fine ma croccante e soprattutto l’abbiamo trovata molto asciutta! Buona qualità del riso. Ripieno abbondante, il riso è di un giallo tenue con un morbido ripieno che colpisce per la sua esuberante sapidità che ben si accompagna ad un leggero sentore affumicato che crediamo sia riconducibile all’utilizzo di un prosciutto arrosto, molto aromatico. Molto buona! Cinque stelle su cinque 5/5 il nostro top!

Rosanero
Bar Rosanero, via Lincoln – 1,60 euro
Uno sguardo al mare di fronte a noi e uno alla nostra arancina. Siamo al bar Rosanero, a due passi dalla Kalsa e dalla stazione centrale. L’arancina ha una doratura perfetta, leggermente unta ma molto profumata. La panatura è croccante e spessa. Ottima la cottura del riso. Il ripieno, molto generoso, ha la giusta sapidità data dalla presenza del pepe e anche del prezzemolo che conferisce al tutto una fresca nota erbacea. Molto buona. Cinque stelle su cinque 5/5 il nostro top!

Oscar
Bar Oscar, via Migliaccio – 1,70 euro
Siamo in una storica pasticceria palermitana, lontana dal centro ma che può fregiarsi ogni giorno di tanti, fedelissimi amatori. Anche qui, assaggiamo la nostra arancina al burro. Generosa nelle dimensioni, forma oblunga e regolare. All’esame visivo appare di un dorato acceso. E’ profumata ed invitante. Al taglio è croccante, il ripieno è abbondante e ben equilibrato. Il riso è giallo, la besciamella ben cotta e compatta, sapida e con l’aggiunta di pepe. Buona la cottura del riso. Cinque stelle su cinque 5/5 il nostro top!

Roberto Chifari
Daniela Randazzo

Annunci

18 pensieri su “Arancina day: taste and eat! Nel giorno di Santa Lucia, per voi la nostra guida all’assaggio”

  1. Da ormai non so quanti anni, pubblicate sempre la stessa classifica con gli stessi pregi e difetti. Lavoro in una nota pasticceria dove ieri grazie a Dio abbiamo lavorato con grande soddisfazione. Spero tanto che gli autori di questi articoli evitino il prossimo anno di fare il classico copia/incolla…….è a mio avviso una mancanza di stile……

    Mi piace

  2. Il bar Alba tra i top tre è semplicemente assurdo, considerando quanto è sporco quel posto e come scelgono gli ingredienti per tutto ciò che preparano (chiuso due volte dai carabinieri e confermatomi da un ex dipendente, che veniva costretto a usare ingredienti scadenti) Lamentarsi che l’arancina possa essere unta è patetico. Spero non siate palermitani.

    Mi piace

  3. Caro Giuseppe, ci dispiace leggere il tuo commento. Noi non abbiamo fatto il copia e incolla di nessuno. Ogni bar che abbiamo visitato è stato ‘scelto’ in base alla sua posizione in modo da coprire tutta la città. Come è già avvenuto per la nostra guida al pane e panelle, abbiamo acquistato tutto di tasca nostra, senza sponsor e liberi di poter scrivere ciò che volevamo in base al nostro gusto personale. Siamo pronti sempre a migliorarci e ad ascoltare i consigli di tutti. Scrivici in privato il nome del bar, saremo lieti di includerlo nelle prossime nostre recensioni.

    Mi piace

  4. Caro Lorenzo, abbiamo inserito il Bar Alba, come tanti altri bar, per differenziare per zona e dare una maggiore omogeneità alla nostra guida. Riteniamo, altresì, che il fatto che un’arancina possa essere unta sia un punto a sfavore dato che una frittura asciutta è sinonimo di maggiore cura e di più facile digeribilità.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...