Isola di Mothia, alla scoperta della via del Sale

Sulla vecchia strada che collega Marsala con Trapani, distese immense di sale asciugano al sole. Qui dove il tempo sembra essersi fermato vogliamo raccontarvi di un angolo della Sicilia che produce una ricchezza unica: il sale, l’oro bianco della Sicilia.

Vi avevamo già parlato del Re Sale d’Infersa, oggi torniamo a scrivere di questa eccellenza tutta siciliana perché crediamo che in questa laguna valga la pena passare un’intera giornata alla scoperta di una Sicilia efficiente e valida.

DSCF8114

Le saline sono il nostro consiglio per la rubrica Borghi nascosti. Si raggiungono arrivando da Palermo dall’autostrada A21. La Via del Sale è un tragitto lungo 29 chilometri della strada provinciale 21 che costeggia questo lembo di terra. Una volta arrivati vi suggeriamo di lasciarvi guidare dall’affascinante contesto che troverete. Un luogo incantato, silenzioso e ricco di colori. Ci si può imbarcare, così come abbiamo fatto noi, partendo proprio dall’imbarcadero dello Stagnone, per scoprire la vicina isola di Mothia, un giro affascinante in battello tra la storia e la cultura millenarian della Sicilia. Non stupitevi se vedrete tanti mulini, ancora oggi sono parte integrante del processo di estrazione del sale. Il più antico lo protrete visitare proprio al vostro ritorno.

DSCF8116

Il bellissimo mulino cinquecentesco merita una visita a parte: è affascinante e maestoso. Le pale ancora in funzione possono girare ad una velocità di 20 km orari. Il cuore è un’opera di meraviglia ingegneristica frutto del sapiente lavoro degli uomini che negli anni hanno perfezionato il processo di raccolta ed estrazione del sale.DSCF8110

La coltura e la lavorazione del sale coniugano in modo eccellente l’industria produttiva e il rispetto ambientale, avvalendosi semplicemente di tre fattori naturali: la salinità delle acque della laguna, la forza del vento catturata dai mulini e il calore del sole.

DSCF8123

Alla fine del giro sarà possibile seguire un percorso gustativo-olfattivo con un’interessante degustazione di sale o partecipando, se le condizioni meteo lo permettono, alla raccolta del Fior di sale d’Infersa. Da non perdere.

DSCF8124

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...