Viaggio nel mondo Baladin, le birre d’autore firmate Teo Musso

Dal 1996 le birre di Teo Musso sono sinonimo di birra artigianale italiana di alta qualità. E non potrebbe essere altrimenti per chi come Teo ha fatto del suo lavoro una mission.

In occasione di una degustazione di sette birre della linea Baladin, organizzata dal delegato Ais per la provincia di Palermo, Davide Visiello, abbiamo avuto modo di fare un interessante viaggio nel mondo della birra d’autore.
Alle antesignane Super e Isaac che hanno tracciato la storia della birra artigianale italiana negli anni si sono aggiunte altre etichette entrate in breve tempo nell’immaginario collettivo.

Teo Musso

Teo Musso

“Baladin trae il nome dalla definizione di cantastorie in francese – ci spiega Teo -. Nel 1986 prendo in gestione il vecchio bar Piemonte del mio paese in provincia di Cuneo. Doveva essere un luogo d’incontro e di confronto in una zona che aveva in realtà poco o nulla da offrire ai giovani. I primi anni li ho passati come importatore di birra, soprattutto belga. Appena avevo un attimo di tempo libero lasciavo il bar per andare a provare nuove birre e le portavo al locale. Poi, nel 1996 dopo l’ennesimo viaggio iniziò la mia avventura nel mondo delle birre artigianali cercando di importare la tradizione europea in Italia. La birreria si trasforma in brewpub, producendo e vedendo direttamente la birra. Nascono la Blonde e l’Ambrée, le prime birre alla spina di Baladin. Nel 1997, arriva la Super, la prima birra in bottiglia di Baladin, un anno dopo la Noel. E’ l’inizio di una nuova era per la birra artigianale e l’inizio dell’avventura Baladin”.

DSCF8296

 

Chiudiamo per un attimo l’album dei ricordi e torniamo ai giorni nostri per provare un abbinamento insolito: alcune birre sono state abbinate ad una selezione del cioccolato Sabadì per Baladin, firmato Simone Sabaini. “Il tutto è nato da una vacanza di Teo in Sicilia – ci ha svelato non molto tempo fa Sabaini – Noi siamo accomunati dalla stessa visione del mondo enogastronomico e la nostra affinità ci ha portato a creare un abbinamento insolito. Si parte da un gusto di un prodotto già esistente, in questo caso la birra, e si cerca abbinarlo al cioccolato, richiamando le stesse sensazioni gustativo-olfattive. Ogni cioccolato è ideato in funzione delle note aromatiche della birra per dare un’esperienza di gusto assolutamente nuova”.

Sabadì

Tornando alla birra, la nostra degustazione ha toccato sette birre. Ogni birra racconta una storia in un immaginario filo conduttore che sintetizza la filosofia aziendale di Teo.

 

 

Baladin Isaac
ISAAC: prende il nome dal figlio di Teo Musso, nato proprio nel 1996, in un momento dove i birrifici artigianali in Italia sono appena sette. Teo decide di puntare sull’imbottigliamento di un prodotto che fino ad allora era stato destinato ad un pubblico di consumatori selettivo. Isaac nasce proprio per spezzare questi equilibri. In questa birra i cereali selezionati sono tutti rigorosamente italiani, le note agrumate sono un omaggio alla Sicilia e ai colori del mediterraneo. Nel calice si presenta di un giallo paglierino molto leggero, al palato si notano tutte le note degli agrumi di Sicilia. Mentre lo spettro olfattivo rivela tutto il suo bouquet profumato con una spiccata essenza di albicocca. In abbinamento Sabadì Isaac: Ingredienti: pasta amara di cacao; zucchero di canna; scorzette di mandarino , scorzette di limone, vaniglia. Cacao: 56% minimo. Ne avevamo parlato già qui.


NORA: il nome è dedicato alla seconda moglie di Teo, compagna di vita per dieci anni. Alla vista si presenta di un colore ambrato tendente all’arancio e ha una schiuma compatta. Al naso sin dal primo istante vengono sprigionate le note agrumate e speziate. In bocca è persistente e avvolgente. In abbinamento, Sabadì Nora: Ingredienti: pasta amara di cacao; zucchero di canna; zenzero ; caffè. Cacao: 60% minimo.
Baladin Nazionale
NAZIONALE: il nome è un omaggio all’Italia perché tutti gli ingredienti sono di derivazione italiana. Birra volutamente semplice composta da acqua, malto orzo, luppolo e un ceppo di lievito selezionato da Teo. Alla vista è una birra molto chiara che evoca le più comuni birre nazionali. Al naso, però, è differente da tutte le altre: è aromatica, è profumata con una spiccata preponderanza di bergamotto e coriandolo. Al palato è fresca, secca, molto tagliente, apparentemente semplice con un retrogusto amarognolo. Molto beverina.

 

Baladin Super
SUPER: il nome è un ‘raggiro’ delle birre amare di stampo internazionale. La prima, che insieme ad Isaac, è stata imbottigliata in Italia. Di colore decisamente ambrato, al naso è estremamente profumata, con sentori di noce moscata, lavanda ed essenze floreali. Al palato è aromatizzata: si sente il miele, la mandorla e la frutta secca. Perfetto l’equilibrio tra la dolcezza e l’aromaticità del luppolo. In abbinamento, Sabadì Super: Ingredienti: pasta amara di cacao; zucchero da fiori di palma da cocco. Cacao: 70% minimo.

 

Baladin Leon
LEON: nata dalla mente di Teo come birra natalizia alla fine degli anni ’90 ha subìto qualche cambiamento a partire dall’etichetta. Nel calice si presenta molto scura, color tabacco, al naso pervadono i sentori di sigaro, cioccolato, nocciola e liquirizia. In bocca è avvolgente. È abbinata ad un altro cioccolato della selezione Sabadì, il cui colore dell’incartamento ricorda la ceralacca con cui si chiude la birra. Sabadì Leon: ingredienti: pasta amara di cacao; zucchero di canna integrale; radice di liquirizia. Cacao: 60% minimo.

 

Baladin Elixir
ELIXIR: È un elisir frizzante, corposo e con una personalità travolgente. Nasce da lieviti che derivano da quelli utilizzati per gli “Islay Whisky”.Nel calice si presenta di colore ambrato che ricorda certi passiti siciliani e con una schiuma fitta persistente. Al naso si sente la maturazione lenta e il caramello. Al gusto è secca e leggermente vinosa, come ci suggerisce il suo mentore, ma per noi pervadono i sentori della liquirizia e del caffè tostato. In abbinamento, Sabadì Elixir: Ingredienti: pasta amara di cacao; zucchero di canna; peperoncino. Cacao: 60% minimo.

 

Baladin Xayaù Barrel
XYAUYÚ BARREL: la storia di questa birra nasce da ‘un pensiero perverso di Teo’ e da anni di ricerca. Xyauyù oggi è in commercio in quattro versioni: la Classica, la Fumè, la Kentucky e la Barrel e proprio quest’ultima noi degustiamo. Una birra ad alta fermentazione che ha subìto un processo di macro ossigenazione dalla base di una Super e lenta maturazione di un anno in botti di rovere francese da 2500 litri. Alla vista si presenta totalmente priva di gasatura con schiuma di colore bruno e riflessi ramati. Al naso è mielata, con evidenti note di tabacco. Ricorda i grandi distillati pur avendo una gradazione alcolica molto più bassa. Al palato è fine, elegante e vellutata, si presenta dolce con chiari sentori di cuoio.

 

DSCF8298

 

Un abbinamento inconsueto? Sorseggiate la birra Baladin con della buona musica. Quale? Selezionatela voi, l’importante che ad accompagnare i vostri momenti di relax sia sempre una birra Baladin. Parola di Teo Musso.

Annunci

2 pensieri su “Viaggio nel mondo Baladin, le birre d’autore firmate Teo Musso”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...