A Palermo, una caffetteria per veri gourmand: è Bioesserì

Si parla sempre più di biologico, di attenzione al prodotto e tracciabilità degli alimenti. Tutto corretto, ma sarebbe più importante conoscere, studiare e apprendere cosa portiamo ogni giorno nelle nostre tavole.

Qualche giorno fa, sono stato invitato a Palermo da Bioesseri by NaturaSì per un Bio Happy Hour. Era la prima volta che entravo e mi è bastato fare un giro per capire che qui si fa sul serio. Entrando si resta immediatamente colpiti dalla varietà di scelta dei prodotti. Ambiente elegante con uno stile minimal-chic. Io che sono un amante della colazione mi sa che ho trovato pane per i miei denti: crostate, dolci, biscotti, mini brioches con farina di Kamut e croissant di farine integrali. C’è tutto, davvero tutto, quello che si può desiderare per una colazione da veri gourmand.

Bioesserì

Bioesserì

Non solo colazione, ma anche uno spuntino bio, un pranzo, una cena o un aperitivo può essere l’occasione per trovare un oasi biologica con un vasto assortimento per vegani e vegetariani, ma anche tante specialità della cucina tradizionale rivisitate in chiave moderna. Il locale nasce per una scommessa: quella dei fratelli Saverio e Vittorio Borgia, palermitani d’origine, che dopo il ristorante avviato a Milano tre anni fa, hanno deciso di puntare sul proprio territorio.

Bioesserì

“Bioesserì è stata una scommessa – ha spiegato Vittorio Borgia -. Abbiamo cercato di far capire alla gente che si può mangiare fuori casa e si può mangiare bene. Ci abbiamo creduto, ci crediamo tuttora e per questo quando abbiamo prospettato l’apertura a Palermo. Qualcuno ci ha preso per pazzi, ma noi non abbiamo mai desistito”.
“Tornare a Palermo è stata una sfida – ha commentato il fratello Saverio -. Volevo far conoscere ad un vasto pubblico la nostra cucina biologica e la risposta del pubblico è stata più che positiva”.

Dietro i fornelli c’è lo chef Ezio D’Alia, specializzato in cucina vegana e vegetariana ed è stato un po’ il motivo per cui food blogger e giornalisti si sono riuniti qui: conoscere e approfondire una nuova frontiera di alta cucina.
Chef Enzo d'Alia

Nella nostra degustazione abbiamo provato un esempio molto interessante delle possibilità infinite di una cucina equilibrata negli aromi e negli abbinamenti, senza dimenticare che sono cibi senza glutine. La prima portata è stata una Quinoa mantecata con pistacchio di Bronte e gambero rosso di Mazara del Vallo. Il pistacchio e il gambero rosso sono due tratti distintivi della Sicilia, ma è stata la Quinoa a colpirmi, la lavorazione di questo alimento particolarmente dotato di proprietà nutritive è stato perfetto per esaltare il gambero.
Bioesserì

Come dessert: crema di latte di soia con croccante di semi di girasole e fragole. Qui l’alternarsi al palato del croccante di semi con la crema di latte è stato esaltante sin dal primo assaggio.
Bioesserì

In abbinamento ai piatti un bianco dell’azienda La Cappuccina, di Costalunga di Monteforte d’Alpone in provincia di Verona. Il Fontegò, che prende il nome dal vigneto, è un bianco molto elegante dal sapore equilibrato e con un bouquet di profumi ricco di note floreali.
DSCF8076

Bioesserì
Via Giuseppe La Farina 4
Palermo
Tel.091 7657142
http://www.bioesseri.it
Facebook: BioesseriPalermo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...