Canto DiVino, a Palermo la lirica incontra il buon vino

Abbinare vino e lirica? Sì, si può. A Palermo sette vini in degustazione sono state abbinati a sette arie di opere liriche. Un felice connubio che ha estasiato i presenti incantati dalla bravura di Luciana di Bella e Alfio Marletta. Qualche esempio? Cartizze ’12 dell’azienda Bisol, Valdobbiadene Prosecco Superiore di Cartizze D.O.C.G., abbinato a “Je veux vivre” – da Romeo e Juliette di Gounod; Repertorio ’11 dell’azienda Cantine del Notaio, abbinato a “La donna è mobile” dal Rigoletto di Giuseppe Verdi; Utopia ’09, Riserva di Verdicchio di Jesi dell’azienda Montecappone, abbinato a “Parigi o cara” dalla Traviata di Giuseppe Verdi; Mira, dell’azienda Porta del Vento, un metodo classico non convenzionale, abbinato a “Sì, mi chiamano Mimì” dalla Bohéme di Giacomo Puccini; Nerello Cappuccio ’10 dell’azienda Benanti dell’Etna, abbinato alle due opere “Casta Diva” dalla “Norma” di Vincenzo Bellini e a “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...