Andrea Macca (Donna Carmela Risposto), dietro un’aspettativa disattesa la scoperta di un piatto unico

Ti aspetti un dolce e con sorpresa scopri un antipasto di pesce.

Schermata 2014-10-24 alle 12.24.33

La seconda giornata del Taormina Gourmet si è aperta con il cooking show presentato dal giovane talento del Donna Carmela resort, Andrea Macca, che ha presentato ad una platea di curiosi e Food lovers una rivisitazione del dolce catanese. Appunto, una rivisitazione perché se gli occhi vengono ingannati, il palato non mente e riscopre sin dal primo assaggio un piatto dalla forte connotazione siciliana.

Schermata 2014-10-24 alle 12.24.41

Alla base c’è un leggero soffritto di tinto siciliano con cipolla, acciughe, aglio e una mistura di capperi e olive nere con un filo diolio Nocellara del Belice Lorenzo 5 dell’azienda Barbera, dal sentore delicato e dal profumo fruttato. Una breve doratura evita che il soffritto pervada gli altri profumi. Si aggiungono i pomodori secchi e una mistura di erbe aromatiche: prezzemolo, timo limonino e basilico.

Schermata 2014-10-24 alle 12.24.47

La seppia, protagonista indiscussa del piatto, subisce due processi di lavorazione differenti: la parte della schiena viene coppata e intagliata orizzontalmente, mentre il nero viene sbollentato con un cucchiaio di doppio concentrato di pomodoro per ottenere un fine ragù di seppia.

Schermata 2014-10-24 alle 12.24.53

La preparazione del piatto parte dal basso: un filo di olio alla base serve a porre un disco di seppia, a cui va aggiunta una purea di patata con prezzemolo e succo di limone cotta al sale alla temperatura di 200 gradi. Si aggiunge il ragù e un altro disco di seppia. La cottura avviene in forno ad una temperatura di 205 gradi per sei minuti a misto vapore. Prima di servire una pennellata di olio conferisce alla seppia quella lucidità che ricorda il marzapane del dolce, un pomodorino posto in cima simula la frutta candita.

Ed è così che si presenta ai nostri occhi, un piatto che ci ha ingannato ma anche piacevolmente sorpreso per la sua complessità strutturale.

In abbinamento un Etna bianco: l’Archineri Pietradolce 2013, elegante e perfettamente in simbiosi con il piatto

Roberto Chifari
Foto di Salvo Mancuso

Annunci

Un pensiero su “Andrea Macca (Donna Carmela Risposto), dietro un’aspettativa disattesa la scoperta di un piatto unico”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...